FAQ

COS’È NAVIRA?
NAVIRA è un e-commerce per la vendita di prodotti a base di canapa di qualità creato per tutti coloro che, per necessità o per piacere, vogliono giovare dei benefici di questa pianta officinale.

È LEGALE?
Tutti i prodotti NAVIRA rispettano il limite di 0,6% di THC imposto dalla vigente normativa e sono quindi perfettamente legali. Nella scheda di ogni prodotto sono riportate le analisi chimiche ad esso relative, a garanzia del rispetto dei valori imposti per legge.

È UN PRODOTTO BIOLOGICO?
Assolutamente si.
Navira collabora con i migliori produttori, al fine di fornire ai suoi clienti solo prodotti di altissima qualità, completamente biologici e coltivati senza uso di pesticidi o agenti chimici, in condizioni ottimali per sviluppare tutte le qualità di questa pianta.

SE DOVESSI ESSERE SOTTOPOSTO AD ESAMI CLINICI?

I prodotti trattati da Navira non sono sostanze stupefacenti e rispettano tutti i vincoli imposti dalla legge. I test e gli esami clinici a cui le persone sono sottoposte verificano la presenza e l’assunzione di sostanze illegali, tra le quali non sono inclusi i nostri prodotti. In ogni caso la risposta fisiologica è soggettiva e Navira non si assume responsabilità per un uso del prodotto diverso da quello esplicitamente indicato su ogni confezione.

COS’è IL CBD?

Le prime coltivazioni di canapa risalgono a 6000 anni fa in Cina. La canapa è una pianta che contiene più di 400 composti naturali, tra cui troviamo i due principali gruppi di molecole con proprietà attive: i terpeni ed i cannabinoidi. Il CBD appartiene a questi ultimi composti.

I cannabinoidi sono molecole capaci di interagire con le funzioni del nostro sistema nervoso. La pianta di canapa biosintetizza più di 60 cannabinoidi che differiscono l'uno dall'altro nei processi d'interazione con il nostro organismo e nella loro specifica struttura molecolare. Tra i più conosciuti troviamo THC, CBD e CBG.

Il cannabidiolo, o CBD, è uno dei cannabinoidi più abbondanti nella canapa. È stato ampiamente dimostrato che questa molecola ha diverse proprietà terapeutiche, tra cui la capacità di rilassare il corpo. Sebbene agisca sul nostro organismo offrendo importanti benefici, il CBD non ha proprietà psicoattive come il suo parente più stretto, il THC. Non bisogna quindi confondere l'azione di questi due cannabinoidi.

EFFETTI COLLATERALI:
Grazie ai numerosi studi condotti su dosaggio e modalità d'applicazione del CBD, non sono stati finora riscontrati effetti collaterali legati al suo consumo.

COME UTILIZZARLO:
Indipendentemente dalla modalità d'assunzione, il dosaggio di olio di CBD più raccomandato è di 3-4 gocce tre volte al giorno. Secondo un recente studio, il nostro organismo può tollerare fino a 160mg/giorno di CBD.

Il CBD può essere assunto con le stesse modalità di qualsiasi altro integratore benefico per la salute. Le applicazioni più diffuse sono quelle per via orale e cutanea, attraverso le quali possiamo assorbire tutti suoi composti biologici.

Il metodo più pratico e semplice di assumere CBD è quello sublinguale. Il tessuto presente al di sotto della lingua, infatti, è ricco di capillari che consentono una rapida diffusione del cannabidiolo nel flusso sanguigno. Il CBD ha un sapore piuttosto gradevole. Se avete paura di assumerne troppo in una volta sola, applicate una goccia di olio sulla punta di un dito pulito (fondamentale!) e leccatela. Potete anche applicare qualche goccia di olio su alimenti permeabili, come un pezzo di pane o un biscotto.

Se avete qualche problema dermatologico, potete applicare l'olio o la crema a base di CBD direttamente sulla zona di pelle irritata, ma consigliamo di diluire il nostro olio concentrato con lozioni neutre, in modo da aumentare la superficie di contatto e ridurre le eventuali perdite.

COME AGISCE IL CBD:
Nel nostro sistema nervoso sono presenti numerosi recettori. I recettori sono come antenne di telefonia mobile che ricevono e trasmettono segnali. Esattamente come un ripetitore riceve una specifica onda elettromagnetica come segnale, anche i recettori ricevono specifiche molecole per ricevere e trasmettere determinati messaggi.

Uno di questi sistemi composti da diversi recettori è il sistema endocannabinoide (SEC). I recettori del SEC sono distribuiti principalmente nel cervello e nel sistema nervoso periferico (midollo spinale e nervi) ma ne troviamo in tutto il corpo. Nel cervello, questi recettori sono presenti soprattutto nelle aree responsabili di percezione, concentrazione, memoria e movimento. È per questo che il SEC è coinvolto nella regolazione di molti processi fisiologici, tra cui quelli legati alle sensazioni di dolore, all'umore e all'appetito. Inoltre, il SEC fa anche parte del sistema neurale attivato dall'esercizio fisico. Ad esempio, il cosiddetto "Sballo del corridore" è causato dall'azione del sistema endocannabinoide.

I recettori che compongono il SEC sono: CB1 e CB2, 5-HT1A, μ e δ. Questi recettori si legano ai cannabinoidi prodotti dal nostro sistema nervoso, endorfine. Una delle endorfine più importanti che trasmettono segnali al SEC è il 2-arachidonoilglicerolo (2-AG). Questa molecola si lega ai recettori CB1 e CB2. Anche il cannabidiolo, CBD, si lega a questi recettori, generando gli stessi effetti del 2-AG.

Il CBD, inoltre, si lega agli stessi recettori del cannabinoide psicoattivo, il THC, ma gli effetti che genera sono opposti. Se da una parte il THC accelera il sistema nervoso, dall'altra il CBD lo rallenta.

Secondo numerose ricerche, il CBD ha proprietà anti-spasmodiche, anti-psicotiche, anti-convulsivanti e neuroprotettive. Pertanto, l'applicazione di un olio di CBD può essere molto efficace per rilassare i muscoli ed il corpo in generale. Il CBD ha anche la capacità di alleviare lo stress quotidiano, rendendo il sistema nervoso più resistente agli stimoli esterni.