canapa cura cancro tumore natura

medicina

La canapa cura il cancro?

Per millenni la canapa è stata un'importante coltura industriale utilizzata nella produzione di cose come corda, carta e stoffa. La selezione selettiva ha portato alla differenziazione tra marijuana e canapa; la marijuana è stata progettata per il suo effetto narcotico mentre la canapa veniva coltivata per i suoi usi industriali. La cosiddetta canapa industriale, che viene utilizzata nella produzione di tessuti e altri prodotti, contiene meno dello 0,3 per cento del composto psicoattivo noto come THC. La marijuana viene coltivata per contenere livelli molto più alti di THC: molti ceppi contengono più del 10 percento e alcuni possono persino avvicinarsi al 30 percento. Quindi, anche se queste due piante sono strettamente collegate, la canapa e la marijuana sono in realtà molto diverse.

Tuttavia, la colpa per associazione può essere una forza potente, e negli anni ‘70 la cannabis - incluse sia canapa che marijuana - venne etichettata come sostanza illegale. Ogi la situazione è molto diversa e la normativa ammette l’uso della canapa legale secondo la normativa vigente, ossia la legge n. 242/2016 che rende legale coltivare, vendere e acquistare i prodotti e gli articoli a base di marijuana legale.

farmaci canapa marijuana cancro tumore

Cure mediche alla cannabis

Una recente ricerca condotta da Wasana Sumanasekera, professore associato di scienze farmaceutiche alla Sullivan University College of Pharmacy a Louisville, nel Kentucky, suggerisce che la canapa ha incredibili effetti se applicata a scopi medici. In due studi presentati alla riunione di Biologia Sperimentale del 2018 a San Diego lo scorso aprile, Sumanasekera e i suoi studenti hanno dimostrato che la canapa può effettivamente combattere il cancro ovarico. In uno studio, il cannabidiolo derivato dalla canapa, un composto trovato nella pianta, ha ridotto la capacità delle cellule di cancro ovarico in coltura di migrare o metastatizzare. L'altro studio ha mostrato che la molecola aveva un effetto protettivo contro un processo infiammatorio che è stato implicato nello sviluppo del cancro ovarico. La speranza è che con ulteriori studi, questi due aspetti della canapa potrebbero essere intensificati e standardizzati in modo che possano essere sviluppati nuovi agenti terapeutici.

Anche se il THC è quello che ha finora ottenuto la maggior parte dell'attenzione del pubblico nel corso degli anni, ci sono più di 100 altri cannabinoidi nella cannabis, e ognuno sembra avere un diverso effetto biologico, il dott. Rukiyah T. Van Dross-Anderson, professore associato di farmacologia e tossicologia presso la Brody School of Medicine della East Carolina University di Greenville, North Carolina sta attualmente conducendo studi con risultati sorprendenti nella cura del cancro con il minimo livello di tossicità verso le cellule normali: "Gli estratti e gli oli di marijuana sono composti da più cannabinoidi e ogni cannabinoide può produrre il proprio effetto". La speranza è che un giorno, i farmaci derivati ​​dalla cannabis distruggano le cellule tumorali lasciando sane le altre cellule, riducendo alcuni dei terribili effetti collaterali come nausea e perdita di capelli che la maggior parte dei pazienti attualmente sperimenta nelle chemioterapie convenzionali.

La maggior parte dei ricercatori sta isolando i singoli cannabinoidi e "quei singoli cannabinoidi sono stati testati per la loro attività anticancro". Sebbene alcuni di questi cannabinoidi abbiano mostrato un effetto anti-cancro, alcuni hanno effettivamente stimolato la crescita delle cellule tumorali ed è importante sapere esattamente quale cannabinoide è associabile ad un determinato effetto.

canapa cura cancro medicina

Importanti risultati della canapa nella ricerca contro il cancro

I due nuovi studi hanno esaminato il potenziale terapeutico di un estratto noto come KY-canapa, prodotto dalla canapa coltivata nel Kentucky. Il ceppo vegetale, le condizioni di coltivazione e le tecniche di lavorazione sono state ottimizzate per produrre un estratto contenente sostanze con potenziale beneficio terapeutico e per eliminare eventuali residui che potrebbero contaminare il prodotto.

In uno studio, i ricercatori hanno scoperto che l'aggiunta di varie dosi di estratto di KY-canapa a cellule ovariche in coltura ha portato a un significativo rallentamento dose-dipendente della migrazione cellulare. Questa scoperta ha indicato che l'estratto potrebbe essere utile per fermare o rallentare le metastasi - la diffusione del cancro in altre parti del corpo.

I ricercatori hanno esplorato la biologia degli effetti protettivi di KY-canapa contro il cancro ovarico, che avevano osservato in studi precedenti. Esperimenti con cellule di cancro ovarico in coltura hanno dimostrato che la KY-canapa ha rallentato la secrezione della beta di IL-1 dell'interleuchina. Le interleuchine producono un'infiammazione che può essere dannosa ed è stata collegata alla progressione del cancro. Il rallentamento indotto dalla canapa della secrezione di IL-1 β rappresenta un possibile meccanismo biologico responsabile degli effetti anti-cancro della KY-canapa.

I risultati di questa ricerca dimostrano che la canapa KY rallenta il cancro ovarico paragonabile o addirittura migliore dell'attuale Cisplatino, un farmaco contro il cancro ovarico. Dal momento che il cisplatino presenta un'elevata tossicità, è possibile che la canapa potrebbe dare meno effetti collaterali.