cosmetica

L'olio al CBD nei cosmetici: scopri i suoi benefici

Sempre più spesso si sente parlare di olio al CBD utilizzato in trattamenti di cura della pelle e cosmetici. Anche nell’olimpo del settore della bellezza l'olio di cannabidiolo (CBD) è ormai entrato a pieno titolo tra i segreti di bellezza. Elle e People confermano con articoli dedicati molto interessanti. Il CBD è infatti già presente in molte proposte di mascara, detergenti viso, fondotinta e altri cosmetici.

 

Navira sta preparando la nuova linea beauty che sfrutterà proprio le proprietà benefiche del CBD, una gamma di prodotti naturali e biologici per la cura del corpo, una linea hair e skin care di qualità testata al 100%.

 

Il cannabidiolo è un composto curativo presente nelle piante di Cannabis Sativa ed è noto per avere proprietà medicinali, caratteristiche già nota a molte culture millenarie da migliaia di anni. La differenza principale principale tra CBD e THC è il fatto che il CBD non è psicoattivo e non altera quindi lo stato mentale di chi ne fa uso.

 

Questo significa che, indipendentemente da quanto CBD una persona assuma, questa non si sentirà alterata. Quando vengono consumati per via orale, i prodotti al CBD inducono piuttosto in uno stato di rilassamento se in dosi limitate, o danno vita ad una dinamica di stimolazione mentale se assunti in dosi più elevate.

 

Parlando invece nello specifico di applicazioni topiche come creme, balsami e altri prodotti a base di olio di CBD, agiscono come booster per diverse funzioni quali:

 

  • anticellulite
  • drenante
  • antinfiammatoria

 

Uno dei principali motivi del recente aumento di popolarità del CBD è dovuto ovviamente al fatto che i produttori possono facilmente e legalmente reperire il CBD dalle colture industriali appositamente improntate per ottenere piante di canapa più ricche di CBD. La marijuana legale in Italia e nel mondo sta infatti dando vita ad un vero e proprio rinascimento della cosmetica alla canapa con interessanti applicazioni e risultati. I prodotti CBD derivati dalla canapa sono legali a condizione che siano coltivati, prodotti o importati in base a specifiche linee guida normative.

 

Possiamo individuare tre ragioni principali per cui l'industria cosmetica sta investendo ricerche e risorse nel mondo del CBD:

 

  1. l'olio di CBD è un composto anti-infiammatorio scientificamente comprovato
  2. gli studi scientifici ritengono la cannabis legale un ottimo trattamento anti acne
  3. il prodotti CBD hanno grandi potenziali per l'utilizzo nel trattamento di irritazione della pelle, arrossamenti e malattie dell’epidermide

Olio CBD contro l'acne

L’acne è causata dalla sovrapproduzione di lipidi nella pelle. Le altre cause principali dell'acne includono la proliferazione delle cellule della pelle e un accumulo di batteri indesiderati. Più la pelle versa in uno stato grasso, maggiore è il rischio di accumulo di grasso nei pori e, quindi, di avere un aumento del rischio di infezione.

 

Un gruppo di ricercatori dell'Università di Debrecen ha evidenziato alcune interessanti scoperte sui prodotti a base di olio di CBD per il trattamento dell'acne. Questi risultati sono ancora alle prime fasi di studio, ma sono già ottimi. Secondo questo studio, il CBD vanta una elevata azione cellulare anti-acne e di riduzione dei lipidi che mira attivamente alla proliferazione cellulare sana e comunque in un’azione universale contro le infiammazioni.

 

Questi risultati sono oggettivamente preliminari, ma l'industria della bellezza sta comunque andando avanti con la produzione e la proposta di agenti anti-acne anche con il supporto di altri studi condotti da università prestigiose quali Harvard, Oxford e La Sorbonne.

Olio CBD contro le infiammazioni

Uno studio interessante sui cosmetici al CBD condotta dall’equipe di Tamas Biro ha portato alla luce che la maggior parte delle funzioni della pelle sono controllate in una certa misura dal sistema endocannabinoide umano.

 

Considerando l'evidente influenza che il CBD ha sul sistema endocannabinoide, i prodotti a base di olio di CBD potrebbero dunque essere uno strumento di controllo e definizione dell'infiammazione della pelle. Il sistema endocannabinoide controlla l'infiammazione della pelle quindi durante quando avviene un’azione infiammatoria o irritante della pelle, il sistema endocannabinoide si attiva in un’azione di contrasto attivo.

 

In uno studio del 2011 viene mostrato come le preparazioni topiche per alleviare il dolore a base di CBD hanno effetti antidolorifici contro dolori infiammatori e di origine neuropatica in particolare per il controllo del dolore episodico intenso.

Olio CBD per irritazione cutanea

I prodotti a base di olio di CBD riducono il rossore, il prurito e l'irritazione. Questo viene chiaramente dimostrato in uno studio del 2015 sull'olio di CBD per le irritazioni e le malattie della pelle come la psoriasi e l'eczema. Il modo in cui il sistema endocannabinoide sembra responsabile del mantenimento di una pelle sana, compresa la sua immunità, la normale proliferazione cellulare e altro ancora viene esaminato in rapporto alla regolarità di uso di prodotti a base di CBD legale.

 

Molti problemi della pelle, come la psoriasi, l'eczema e la dermatite si ritengono causati da uno squilibrio all'interno del sistema endocannabinoide, che porta alla proliferazione cellulare e all'infiammazione. Questo potrebbe rappresentare una nuova strada di studio per il CBD e nella definizione industriale di modulatori endocannabinoidi. Tenendo quindi in considerazione il successo che i consumatori stanno già segnalando nell’uso dei prodotti CBD per i problemi della pelle, sembra quindi esserci una base sufficiente su cui basare un utilizzo della cannabis legale per scopi cosmetici.